Due web radio gemelle, una a Norcia e una a Roma, a cura degli studenti delle superiori. Nate dopo il terremoto del 30 ottobre con l’aiuto della Siae e di altri numerosi donatori privati, fra cui Stern Zanin, Radio Rossellini a Roma e Radio Battaglia a Norcia, inaugureranno le trasmissioni con due dirette dopo un faticoso lavoro di allestimento che ha visto i due istituti scolastici realizzare un progetto di rete in pochissimi mesi.
La prima trasmissione inaugurale si terrà da Roma il pomeriggio di venerdì 7 aprile, in occasione della mostra in memoria di un’allieva del “Cine Tv Rossellini” scomparsa ad Amatrice, Federica Corsaro, che frequentava il corso serale di fotografia. Presso la sede del Rossellini a via Giuseppe Libetta, 14 alle ore 18 a Roma, verrà consegnata una bellissima targa da parte dei compagni di classe ai genitori di Federica e potranno essere ammirate le sue opere esposte nella sala mostra, nella sua scuola.
Ma il terremoto dell’Appennino, oltre ad aver colpito tragicamente l’Istituto romano, da sempre punto di riferimento per la formazione statale nell’audiovisivo e nella fotografia, ha reso il Rossellini, anche per questa perdita, attivo concretamente sul campo, nei territori colpiti.
Il “Cine-Tv Rossellini”, punto di riferimento nazionale per la formazione statale nelle discipline della comunicazione televisiva e cinematografica, nella tecnica del suono, il multimediale, la fotografia, ha infatti avuto l’idea di condividere quanto sa fare, trasferendo tali specifiche competenze da parte dei propri studenti, verso il contesto giovanile e studentesco di Norcia.

I ragazzi romani hanno fatto amicizia con i compagni umbri e li hanno raggiunti più volte, prima allestendo da zero una piccola emittente identica alla propria, poi aiutandoli a realizzare un palinsesto e idee di programmi, con il fine di creare un punto di riferimento culturale in una zona così ricca di storia e di arte, di memoria, di tradizioni, di bellezze ambientali – come il Parco nazionale dei Monti Sibillini e i piani di Castelluccio – . “Con una radio”, si è pensato tra gli studenti del Cine Tv “sarà più difficile dimenticare quanto il terremoto ha distrutto e si troverà un punto di aggregazione e di riflessione, nei pomeriggi”.

Ora le due radio sono allo start grazie a tanti soggetti diversi che hanno capito la valenza profonda di questa iniziativa, sostenendola convintamente da subito: dal Direttore generale della Siae Gaetano Blandini, alle donazioni dello studio Stern Zanin di Roma, delle Onlus Athenaeum NAE e degli Amici delle Missionarie dell’Immacolata, alla piattaforma web radio Spreaker, alla software house MBstudio e alla Newradio srl, o al doppiatore Aldo Russo, alle presidi Maria Teresa Marano e Rosella Tonti e a tanti altre persona e istituzioni sensibili, che hanno creduto in questa piccola avventura scolastica, ma anche -precisa il coordinatore del progetto Prof. Francesco Ferrari nativo di Norcia- “una toccante avventura di crescita, per rinascere insieme”.

Una storia cominciata lo scorso settembre, all’inizio dell’anno scolastico, quando è emersa, da alcuni studenti dell’Istituto Roberto Rossellini di Roma, la volontà di cimentarsi nella creazione di una Web Radio scolastica a loro cura. Attraverso numerosi scambi d’idee fra alcuni alunni e professori il progetto è stato posto all’attenzione della Preside dell’Istituto, Maria Teresa Marano, la quale si è mostrata pronta a cooperare con i ragazzi.
In tal modo il l’idea ha preso forma coinvolgendo altri studenti della scuola, con l’analisi dei diversi problemi tecnici, logistici e realizzativi di una web radio.
Presto si è creato un vero e proprio gruppo di lavoro, prendendo il nome di RadioRossellini, creando una redazione nell’ambito del laboratorio creativo “Officina” interno all’Istituto.

All’interno di questo percorso, mentre a fine ottobre 2016 il nostro Paese veniva colpito da un’ulteriore rovinosa replica del terremoto dell’estate dello stesso anno, un docente dell’Istituto Rossellini nativo di Norcia si è attivato al fine di assistere la popolazione nursina. E tra tutte le idee emerse per supportare i territori colpiti dal sisma, c’è stata quella di utilizzare il progetto di Radio d’Istituto per creare presso un’altra scuola delle zone terremotate, a Norcia, un’emittente gemella a quella in via di allestimento.
L’intenzione di tale progetto etico era quella supportare le attività culturali e aggregative di quei territori così provati, sollevando il problema dell’importanza della conservazione della loro memoria storica, del patrimonio sociale, economico, artistico, duramente colpito dal sisma.

Il progetto di gemellaggio prevede, tra i suoi scopi principali, che gli studenti delle due scuole si scambino competenze. In particolare, quelli del Rossellini, che seguono un corso di studi dedicato specificamente alle discipline tecniche della comunicazione, hanno avuto il compito di trasferire le proprie conoscenze e la loro creatività ai coetanei studenti nursini, in qualità di tutor.
Ora che le due realtà studentesche sono diventate praticamente un unico gruppo di lavoro, con scambio di visite e nascita di amicizie, le due “navi” stanno per salpare. I giorni 7 e 8 Aprile 2017 le due Radio saranno finalmente online, ciascuna con un proprio evento speciale.

A Roma, venerdì 7 alle ore 18, l’inaugurazione nella sede succursale del Cine Tv di via Libetta, 14 di una mostra fotografica in memoria della studentessa del corso di Fotografia serale del Rossellini, Federica Corsaro, scomparsa ad Amatrice; sabato 8, a Norcia, dalle ore 11 con una trasmissione di lancio dell’emittente studentesca, che ospiterà esperti di storia locale, allievi del Rossellini e del Battaglia, in una vera e propria festa, segno di fiducia nella rinascita culturale e materiali di quei territori.