Credito d’imposta – Bonus Pubblicità

Ecco tutto quello che c’è da sapere sul credito d’imposta per investimenti pubblicitari incrementali, contattaci se hai bisogno di assistenza nell’invio della domanda di finanziamento.

 

Cos’è

Il credito d’imposta per investimenti pubblicitari incrementali è un incentivo fiscale introdotto nel nostro ordinamento allo scopo di favorire l’investimento sulla stampa periodica e quotidiana, anche online, nonché su emittenti televisive e radiofoniche locali.

 

Beneficiari

il credito d’imposta per investimenti pubblicitari incrementali è un’opportunità concessa alle imprese, ai lavoratori autonomi ed agli enti non commerciali che effettuano investimenti pubblicitari nel periodo d’imposta di riferimento superiori almeno dell’1% dell’importo degli investimenti effettuati su analoghi mezzi d’informazione nel periodo di imposta precedente.

 

Investimenti agevolabili

Sono agevolabili, con un credito di imposta pari almeno al 75%, gli investimenti incrementali per l’acquisto di spazi pubblicitari effettuati:

  • dall’1.1.2018;
  • dal 24.6.2017 al 31.12.2017 esclusivamente sulla stampa quotidiana e periodica, anche online.

Per gli investimenti effettuati nel 2017, il loro valore deve superare almeno dell’1% l’ammontare degli analoghi investimenti pubblicitari effettuati dai medesimi soggetti sugli stessi mezzi di informazione nel corrispondente periodo dell’anno 2016 (24.6.2016 – 31.12.2016).

 

Scadenze

Per poter usufruire dell’agevolazione è necessario:

  • Per l’anno di imposta 2017, presentare esclusivamente la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati tra il 22.09.2018 ed il 22.10.2018;
  •  Per l’anno di imposta 2018, presentare la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta nel periodo compreso tra il 22.09.2018 ed il 22.10.2018 e la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati tra il 1.01.2019 ed il 31.01.2019;
  • A partire dall’anno di imposta 2019, la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta deve essere presentata tra il 1° ed il 31 marzo dell’anno di riferimento e la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati tra il 1° gennaio ed il 31 gennaio dell’anno successivo.

 

Benefici

Con il credito d’imposta per investimenti pubblicitari incrementali puoi:

  • Pianificare investimenti pubblicitari col massimo ritorno in termini di benefici/costi;
  • Aumentare i ricavi diminuendo l’imposizione fiscale;
  • Utilizzare il credito di imposta in compensazione orizzontale;
  • Ottenere un vantaggio competitivo nei confronti dei competitors che non si avvalgono di tale incentivo fiscale.

 

Esempio

La società alfa effettua nell’anno x investimenti sulla stampa per un totale di euro 1000 ed investimenti pubblicitari su emittenti televisive e radiofoniche locali per un totale di euro 500;

Nell’anno x+1 effettua investimenti sulla stampa per un totale di euro 2000 ed investimenti pubblicitari su emittenti televisive e radiofoniche locali per un totale di euro 1000:

Investimento complessivo anno x = euro 1500;

Investimento complessivo anno x + 1 = euro 3000;

Investimento incrementale minimo = euro 15 (1500 × 1%) => la società alfa deve, quindi, effettuare investimenti pubblicitari pari almeno ad euro 1515 (1500+15);

Investimento incrementale anno x + 1 = euro 1500 (3000 – 1500);

Investimento incrementale sulla stampa = euro 1000 (2000 – 1000);

Credito d’imposta sull’investimento incrementale sulla stampa = euro 750 (75% di 1000);

Investimento incrementale su emittenti televisive e radiofoniche locali = euro 500 (1000 – 500);

Credito d’imposta sull’investimento incrementale su emittenti televisive e radiofoniche locali = euro 375 (75% di 500).

CONTATTACI PER ASSISTENZA NELL’INVIO DELLA DOMANDA DI FINANZIAMENTO, I NOSTRI CONSULENTI SARANNO A TUA DISPOSIZIONE.

Nome *

Cognome *

Indirizzo e-Mail *

Telefono *

Oggetto *

Messaggio *

Accetto l'informativa sulla Privacy:Si*

* campi obbligatori

[recaptcha]


Condividi questo articolo!