CUP Camera dei DeputatiSalario minimo legale e equo compenso

Paolo Stern in rappresentanza del CUP ne parla alla Camera dei Deputati.

 

L’equo compenso per le prestazioni professionali come «meccanismo equivalente al salario minimo legale» per restituire dignità al lavoro «a prescindere dalla tipologia contrattuale di riferimento». È quanto richiesto dal Comitato Unitario delle Professioni, per il tramite di Paolo Stern, nell’audizione presso la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati sulla discussione congiunta delle risoluzioni relative a iniziative volte alla fissazione di retribuzioni e compensi minimi.

Il Comitato ha inoltre proposto di fissare un criterio remunerativo per le prestazioni professionali per applicare in modo incisivo il principio contenuto nell’articolo 36 della Costituzione, secondo cui «il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa».

Nel nostro Paese, dove l’unica prestazione lavorativa ad aver diritto ad un compenso minimo per legge è il lavoro accessorio, il salario minimo è affidato alla contrattazione collettiva. Con la conseguente disparità tra i diversi contratti nazionali esistenti per lo stesso settore e con tipologie di lavoro non sorrette da contrattazione. Per questo motivo è necessario, secondo il Cup, adeguare anche l’ordinamento italiano ad un sistema già adottato negli altri Paesi europei. Dei 28 Stati membri dell’Unione europea solo Italia, Danimarca, Cipro, Austria, Finlandia e Svezia non hanno ancora istituito il salario minimo.

QUI il video integrale dell’intervento.

 

Condividi questo articolo!