Compliance Check-Up 231/01

Iniziamo con alcune domande...


Nella tua Azienda Amministratori e Soci coincidono o hanno legami di parentela?


La gestione contabile e di bilancio viene affidata all'esterno?


Operi su mercati regolamentati?


La tua azienda intrattiene rapporti con la Pubblica Amministrazione e/o con società Partecipate dalla Pubblica amministrazione?


Hai personale che lavora per te?


Hai personale extra-UE?


Esiste un documento di valutazione dei rischi?


Lavori con l'estero e con paesi extra-europei?


Ricevi o effettui finanziamenti con altre società sia italiane che estere?


La tua azienda ha previsto firme congiunte per autorizzare pagamenti di importo rilevante?


Svolgi attività che hanno impatti sull'ambiente esterno? (produci scarti industriali, rifiuti speciali, emissioni in atmosfera etc. etc.)


Partecipi a gare d'appalto sia pubbliche che private?


Le infrastrutture IT dell'azienda sono accessibili esclusivamente previa identificazione dell'utilizzatore?


La tua Azienda tratta dati sensibili?


Immetti sul mercato prodotti alimentari o beni di consumo?


L'Azienda ha un organigramma ed un funzionigramma che rispecchiano fedelmente la realtà aziendale?


L'Azienda adotta e applica concretamente procedure formali?


L’Azienda ha attuato un sistema di deleghe e procure chiaro, definito e di facile consultazione?


L’Azienda ha adottato e diffuso un codice etico o di comportamento?


L’Azienda ha adottato e diffuso un Modello di Organizzazione gestione e controllo ex D.Lgs. 231/01?


Ancora qualche informazione...



Nome e Cognome (*obbligatorio)
Indirizzo e-Mail (*obbligatorio)
Azienda
Accetto la Privacy Policy

Compliance Aziendale – (D. Lgs.231/01)

Lo sapevi che tutte le aziende (e gli enti in generale) possono essere chiamate a rispondere penalmente per alcuni reati commessi nell’interesse o a vantaggio delle stesse da amministratori, dipendenti o chiunque operi in loro nome?

La commissione di tali reati (come ad esempio quelli di corruzione o concussione di pubblici ufficiali, falso in bilancio, violazioni della normativa antinfortunistica) comporta per le aziende, oltre al danno d’immagine, anche l’applicazione di sanzioni molto gravi, sia di tipo pecuniario che interdittivo, queste ultime applicabili anche in via cautelare.

Tra le sanzioni interdittive vi può essere il divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione, la sospensione e la revoca di autorizzazioni, licenze o concessioni, l’esclusione da agevolazioni, finanziamenti contributi e sussidi e la revoca di quelli eventualmente già concessi, il divieto di pubblicizzare beni o servizi.

Le sanzioni pecuniarie, calcolate con il sistema delle quote (il cui valore oscilla da un minimo 258 ad un massimo 1.549 euro), possono variare in relazione alla tipologia di reato commesso ed al grado di responsabilità dell’azienda. Ad esempio, con riferimento ai reati in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro le sanzioni possono arrivare fino a 1.549.000 euro.

E’ quindi importante prevenire e contrastare il verificarsi di situazioni che possano esporre l’azienda al rischio di applicazione delle sanzioni previste dal D.Lgs. 231/01 adottando un Modello di Organizzazione Gestione e Controllo 231.

Per aiutarti a capire come stai gestendo i rischi aziendali abbiamo pensato di proporti un breve test di autovalutazione che possa fornirti una risposta rapida ed intuitiva.

Nel caso lo ritenessi utile potrai contattarci per approfondire i risultati emersi e studiare insieme un piano di Compliance adatto alle tue esigenze.

Compliance CheckUp 231