Archivio

ALTRE NOTIZIE

6 Apr 2017

Due web radio gemelle, una a Norcia e una a Roma, a cura degli studenti delle superiori. Nate dopo il terremoto del 30 ottobre con l’aiuto della Siae e di altri numerosi donatori privati, fra cui Stern Zanin, Radio Rossellini a Roma e Radio Battaglia a Norcia, inaugureranno le trasmissioni con due dirette dopo un faticoso lavoro di allestimento che ha visto i due istituti scolastici realizzare un progetto di rete in pochissimi mesi.
La prima trasmissione inaugurale si terrà da Roma il pomeriggio di venerdì 7 aprile, in occasione della mostra in memoria di un’allieva del “Cine Tv Rossellini” scomparsa ad Amatrice, Federica Corsaro, che frequentava il corso serale di fotografia. Presso la sede del Rossellini a via Giuseppe Libetta, 14 alle ore 18 a Roma, verrà consegnata una bellissima targa da parte dei compagni di classe ai genitori di Federica e potranno essere ammirate le sue opere esposte nella sala mostra, nella sua scuola.
Ma il terremoto dell’Appennino, oltre ad aver colpito tragicamente l’Istituto romano, da sempre punto di riferimento per la formazione statale nell’audiovisivo e nella fotografia, ha reso il Rossellini, anche per questa perdita, attivo concretamente sul campo, nei territori colpiti.
Il “Cine-Tv Rossellini”, punto di riferimento nazionale per la formazione statale nelle discipline della comunicazione televisiva e cinematografica, nella tecnica del suono, il multimediale, la fotografia, ha infatti avuto l’idea di condividere quanto sa fare, trasferendo tali specifiche competenze da parte dei propri studenti, verso il contesto giovanile e studentesco di Norcia.

I ragazzi romani hanno fatto amicizia con i compagni umbri e li hanno raggiunti più volte, prima allestendo da zero una piccola emittente identica alla propria, poi aiutandoli a realizzare un palinsesto e idee di programmi, con il fine di creare un punto di riferimento culturale in una zona così ricca di storia e di arte, di memoria, di tradizioni, di bellezze ambientali – come il Parco nazionale dei Monti Sibillini e i piani di Castelluccio – . “Con una radio”, si è pensato tra gli studenti del Cine Tv “sarà più difficile dimenticare quanto il terremoto ha distrutto e si troverà un punto di aggregazione e di riflessione, nei pomeriggi”.

Ora le due radio sono allo start grazie a tanti soggetti diversi che hanno capito la valenza profonda di questa iniziativa, sostenendola convintamente da subito: dal Direttore generale della Siae Gaetano Blandini, alle donazioni dello studio Stern Zanin di Roma, delle Onlus Athenaeum NAE e degli Amici delle Missionarie dell’Immacolata, alla piattaforma web radio Spreaker, alla software house MBstudio e alla Newradio srl, o al doppiatore Aldo Russo, alle presidi Maria Teresa Marano e Rosella Tonti e a tanti altre persona e istituzioni sensibili, che hanno creduto in questa piccola avventura scolastica, ma anche -precisa il coordinatore del progetto Prof. Francesco Ferrari nativo di Norcia- “una toccante avventura di crescita, per rinascere insieme”.

Una storia cominciata lo scorso settembre, all’inizio dell’anno scolastico, quando è emersa, da alcuni studenti dell’Istituto Roberto Rossellini di Roma, la volontà di cimentarsi nella creazione di una Web Radio scolastica a loro cura. Attraverso numerosi scambi d’idee fra alcuni alunni e professori il progetto è stato posto all’attenzione della Preside dell’Istituto, Maria Teresa Marano, la quale si è mostrata pronta a cooperare con i ragazzi.
In tal modo il l’idea ha preso forma coinvolgendo altri studenti della scuola, con l’analisi dei diversi problemi tecnici, logistici e realizzativi di una web radio.
Presto si è creato un vero e proprio gruppo di lavoro, prendendo il nome di RadioRossellini, creando una redazione nell’ambito del laboratorio creativo “Officina” interno all’Istituto.

All’interno di questo percorso, mentre a fine ottobre 2016 il nostro Paese veniva colpito da un’ulteriore rovinosa replica del terremoto dell’estate dello stesso anno, un docente dell’Istituto Rossellini nativo di Norcia si è attivato al fine di assistere la popolazione nursina. E tra tutte le idee emerse per supportare i territori colpiti dal sisma, c’è stata quella di utilizzare il progetto di Radio d’Istituto per creare presso un’altra scuola delle zone terremotate, a Norcia, un’emittente gemella a quella in via di allestimento.
L’intenzione di tale progetto etico era quella supportare le attività culturali e aggregative di quei territori così provati, sollevando il problema dell’importanza della conservazione della loro memoria storica, del patrimonio sociale, economico, artistico, duramente colpito dal sisma.

Il progetto di gemellaggio prevede, tra i suoi scopi principali, che gli studenti delle due scuole si scambino competenze. In particolare, quelli del Rossellini, che seguono un corso di studi dedicato specificamente alle discipline tecniche della comunicazione, hanno avuto il compito di trasferire le proprie conoscenze e la loro creatività ai coetanei studenti nursini, in qualità di tutor.
Ora che le due realtà studentesche sono diventate praticamente un unico gruppo di lavoro, con scambio di visite e nascita di amicizie, le due “navi” stanno per salpare. I giorni 7 e 8 Aprile 2017 le due Radio saranno finalmente online, ciascuna con un proprio evento speciale.

A Roma, venerdì 7 alle ore 18, l’inaugurazione nella sede succursale del Cine Tv di via Libetta, 14 di una mostra fotografica in memoria della studentessa del corso di Fotografia serale del Rossellini, Federica Corsaro, scomparsa ad Amatrice; sabato 8, a Norcia, dalle ore 11 con una trasmissione di lancio dell’emittente studentesca, che ospiterà esperti di storia locale, allievi del Rossellini e del Battaglia, in una vera e propria festa, segno di fiducia nella rinascita culturale e materiali di quei territori.

7 Feb 2017

Incontro con l'avv. Paolo Maci, autore di "Mi chiamo Eva, cinque donne, cinque storie, una toga".

Il libro tratta un tema di grande attualità, quello della violenza nei confronti delle donne, attraverso il racconto di cinque storie: alcune reali, altre frutto di fantasia, o piuttosto della somma delle esperienze professionali dell’autore.

Le violenze perpetrate tra le mura domestiche“, sottolinea l’avvocato difensore di una delle vittime nel processo a carico del marito aguzzino, “sono le più subdole, la più viscide, le più sfuggenti, perché si compiono nell’intimità del focolare, quando il resto del mondo é fuori dalla porta di casa, quando nessuno può né udire né vedere né venire a salvarti“.

Ciò che unisce i cinque racconti
, ognuno diverso e unico nella sua drammaticità, é la capacità di reazione delle vittime, il loro istinto di sopravvivenza, che le spinge a lottare alla ricerca della salvezza.

Il filo conduttore é dunque un messaggio di speranza: é possibile assicurare alla giustizia un criminale, un uomo malato di “amore malato“, chiedergli finalmente conto di tutto il dolore, fisico e morale, che ha perpetrato ai danni della sua vittima.

L’iniziativa sarà presentata dall’avv. Francesca Potì, Partner di Stern Zanin. Parteciperanno all’incontro l’avv. Tiziana Tafani, esperta di relazioni sindacali e autrice di “And we can be heroes“, edito da L’erudita, e la Dott.ssa Flaminia Bolzan, psicologa, criminologa, consulente tecnico in numerosi casi di cronaca giudiziaria.

19 Dic 2016

Una bellissima iniziativa a favore delle zone colpite dal sisma a cui ci ha fatto piacere dare il nostro contributo.

Quando si è colpiti da tragedie come quelle del devastante terremoto che ha coinvolto l’Italia centrale fra agosto e la fine di ottobre, la cosa veramente importante è la voglia di ricominciare a vivere il territorio, mantenendo salda la propria identità. In questo senso va letta una bellissima iniziativa a cui ci ha fatto piacere dare, come studio, il nostro contributo alla sua concretizzazione.

Gli allievi dell’istituto d’istruzione superiore statale Cine tv ‘Roberto Rossellini’ di Roma si sono sentiti particolarmente coinvolti dalla devastazione provocata dal sisma del 24 agosto e da quello del 30 ottobre, che, sul punto di varare una web radio, hanno pensato di trasferire le loro competenze ai coetanei dell’istituto omnicomprensivo ‘De Gasperi Battaglia’ di Norcia per aiutarli a creare una loro emittente.

Gli allievi del Rossellini di Roma, già esperti in questo settore, accoglieranno quindi i loro coetanei, si trasferiranno nel corso di un triennio a Norcia, seguiti da tutor, per formare progressivamente gli allievi delle superiori ai mestieri della fonia per la radio: attraverso questa iniziativa contribuiranno alla nascita di un’emittente gemella, votata alla completa autonomia tecnica e di contenuti. L’iniziativa ha trovato da subito sostegno da parte della Siae, la Società Italiana degli Autori ed Editori, (qui l’articolo) che ha concesso due licenze gratuite full time, della durata di tre anni e fino al 100% di musica, per web radio istituzionale a entrambi gli Istituti. Il progetto sarà coordinato dal professor Francesco Ferrari dell’Istituto “Roberto Rossellini” di Roma che ringrazia “il direttore generale di Siae Gaetano Blandini e l’Ufficio Multimediale guidato da Stefania Ercolani per l’attenzione e il contributo al progetto”.

Gli strumenti tecnici saranno donati ai due Istituti da soggetti privati, tra cui lo ‘Studio Stern Zanin’ di Roma, che “hanno dimostrato – spiega il professor Ferrari – di avere a cuore il futuro dei giovani e di avere consapevolezza della fortissima difficoltà nella quale versano i territori colpiti dal terremoto, in prospettiva di una ricostruzione non solo materiale, ma anche culturale“. Le due web radio rappresentano, infatti, “non solo un potente strumento di comunicazione, ma anche un volano aggregante per la riflessione, la divulgazione, la formazione professionale e lo sviluppo della creatività, con una meravigliosa ricaduta etica verso tanti ragazzi“. Dunque da oggi i docenti e gli allievi dell’Istituto Rossellini – che si stanno formando tecnicamente ai mestieri dello spettacolo (fonia per cinema e tv, operatori alla macchina, montatori, segretari di produzione ed edizioni, tecnici di effetti speciali visivi, fotografi) – affiancheranno i loro coetanei umbri che vivono in un territorio che “deve rinascere – sottolineano i promotori del gemellaggio radiofonico – conservando la memoria delle sue bellezze, della sua storia, delle sue tradizioni. E spetta soprattutto ai più giovani guardare con consapevolezza e competenza al domani”.

Una bella iniziativa a cui abbiamo avuto il piacere di contribuire. Vorremo dire che è il nostro regalo di Natale per tutti, ma in realtà lo abbiamo fatto perché queste sono iniziative in cui crediamo ogni giorno dell’anno. Se poi vogliamo intenderlo come regalo di Natale, allora facciamo (insieme) che sia Natale ogni giorno.

1 Dic 2016
industria-4-0
industria-4-0

Con il termine Industria 4.0 si fa riferimento ad una nuova rivoluzione industriale che sta riorganizzando il sistema impresa.

Il termine Industria 4.0 fa riferimento ad una quarta rivoluzione industriale a cui tutti noi stiamo assistendo e che avanza inarrestabile, trasformando il mercato e pretendendo una risposta chiara e veloce per le aziende che vogliono rimanere al passo con i tempi.

Di questa realtà si è ragionato nel workshop organizzato a Roma il 23/11/2016 da Banca Profilo e da Stern Zanin, approfondendo le sfide che questa nuova realtà lancia al mondo del lavoro e le risposte messe in campo, non solo dalle imprese, ma anche da importanti iniziative da parte del governo.
Una serie di riflessioni a cui ha contribuito anche Paolo Stern, (Slide dell’intervento) partner di Stern Zanin, oltre a Stefano Pantacone del CER (Centro Europa Ricerche) (Slide dell’intervento), il professor Giorgio Di Giorgio Director, CASMEF – LUISS University (Slide del’intervento) ed il dottor Giampiero Castano coordinatore dei tavoli di crisi presso il MISE.

Punto di partenza la consapevolezza che le reti ci connettono gli uni con gli altri, creando interconnessioni fra sistemi fisici e digitali, favorendo accumulazione di grandi quantità di dati su comportamenti, necessità, aspettative del mercato, che richiedono risposte veloci e chiare. Contemporaneamente le tecnologie si sviluppano per esaltare questa connessione, favorendola, e per fornire velocità a quel modello di dialogo cui il mercato si sta abituando.

Dunque l’impresa per non perdere l’occasione di sviluppo che l’industria 4.0 richiede e deve:

  • ottimizzare i processi produttivi;
  • supportare i processi di automazione industriale;
  • favorire la collaborazione produttiva tra imprese attraverso tecniche avanzate di pianificazione distribuita, gestione integrata della logistica in rete e interoperabilità dei sistemi informativi puntando soprattutto su realtà che sviluppino nuovi processi produttivi basati in particolare su:
  1. tecnologie di produzione di prodotti realizzati con nuovi materiali;
  2. meccatronica;
  3. robotica;
  4. utilizzo di tecnologie ICT avanzate per la virtualizzazione dei processi di trasformazione;
  5. sistemi per la valorizzazione delle fabbriche.

Precursore della logica 4.0 è l’esempio di Zara; il noto brand spagnolo, alle tariffe contenute e alla buona qualità di fondo, ha affiancato un altro tassello fondamentale nel suo successo: la capacità di saper rispondere a tempo di record agli input provenienti dalle grandi piazze della moda internazionale.

I trendsetter del gruppo sono costantemente all’opera a New York, Londra, Parigi, Milano, Roma e Madrid per cercare di intercettare ogni mutamento dei gusti. Le indicazioni provenienti dalla strada sono quindi inoltrate ai designers di Zara, i quali provvedono in tempi strettissimi a dare vita a nuove collezioni che sono poi smistate ai magazzini posti in ogni angolo del mondo. In soli quindici giorni, viene effettuata la progettazione, la produzione e l’avvio alla vendita al dettaglio.

Per capire un dato simile, occorre ricordare che un’industria classica può impiegare in media sino a sei mesi per un processo analogo. Zara ci insegna che le dinamiche del mercato sono cambiate, non più le vecchie logiche dove le aziende proponevano per poi invadere il mercato di prodotti (anche se realizzati a seguito di approfondite indagini di mercato), ma logiche di dialogo e di relazione continua con il mercato capace di generare risposte quasi in tempo reale da parte delle aziende.
Il successo di Zara è testimonianza di quanto sia importante questo nuovo paradigma.

Lo scenario 4.0 impone anche agli studi nuove modalità di approccio all’utenza: i supporti professionali alle imprese dovranno saper fornire assistenza in nuovi settori, ciò imporrà agli stessi l’obbligo di diversificare le specifiche e tradizionali competenze per fornire:

  • supporto alla creazione di una reputazione credibile e coerente (merito creditizio, responsabilità sociale);supporto alla definizione di strumenti di lettura delle proprie performance chiari e calibrati per la dimensione dell’impresa;
  • analisi di impatto delle varie scelte assunte (budget, simulazioni);
  • assistenza alla crescita dimensionale, alla creazione di reti d’impresa.

Industria 4.0 è un processo di sviluppo che richiederà risorse (anche da parte dei governi, e in Europa c’è grande attività da parte dei singoli stati) e impegno da parte dell’imprenditoria tutta, dalle aziende alle attività professionali.

Un percorso e uno sforzo da cui non ci si può sottrarre perché legato ai mutamenti sociali, ovvero di mercato, che la globalizzazione e la grande interconnessione in cui tutti viviamo ci obbliga.
Una sfida che è una vera, nuova, rivoluzione industriale.

28 Nov 2016

La formazione è un passaggio obbligato verso la crescita. Anche in Stern Zanin questa diventa uno strumento utile per migliorare i processi produttivi e la relazione con i clienti.

In un mercato in continua evoluzione, il lavoro e le aziende devono adattarsi velocemente per essere sempre competitive e, soprattutto, essere fonte di innovazione. In questo contesto Stern Zanin ha preso consapevolezza dell’importanza della valorizzazione del proprio personale, investendo nel continuo aggiornamento tecnico e nella formazione di competenze trasversali.
Oggi in realtà complesse, dove anche il nostro gruppo opera, è importante che tutti i collaboratori sentano di prendere parte ad un progetto comune per essere cosi parte attiva alla crescita aziendale, non solo in termini economici ma, soprattutto e fondamentalmente, nella relazione con i clienti e con le loro necessità di tutti i giorni.

Per questo sono stati attivati, all’interno dell’azienda, dei momenti di condivisione e formazione, con l’obiettivo non solo del continuo aggiornamento, ma anche per sviluppare delle competenze trasversali utili nelle attività di tutti i giorni, quali ad esempio: l’importanza della comunicazione a partire da se stessi, del problem solving, della leadership, e del team working. Momenti fondamentali verso la nascita di un’ azienda vincente.

Il primo incontro, ha introdotto il tema della comunicazione come potente “mezzo” di crescita e sviluppo personale e professionale con l’obiettivo di rendere i nostri collaboratori consapevoli ed imparare a comunicare in maniera efficace, aggiungendo alla competenza specifica anche una chiarezza di esposizione e di relazione con il cliente. Inoltre è stato affrontato il tema della percezione e del mettere in discussione se stessi e le proprie convinzioni, come primo passo per migliorarsi.
L’incontro è stato accolto positivamente dai partecipanti, che si sono messi in gioco in prima persona capendo l’importanza per se stessi e per l’azienda, grazie anche al taglio esperenziale portato in aula dalla docente.
Un segnale importante per la valorizzazione dei nostri collaboratori, con l’augurio che possa portare ad un miglioramento collettivo.

10 Ott 2016
21 Set 2016
24 Ago 2016
ANG

Evento annuale "Young Europe You"

“Young Europe You” è l’evento annuale organizzato dall’Agenzia nazionale per i giovani, che si terrà il 20 e il 21 ottobre all’interno del Tempio di Adriano a Roma.

L’Agenzia Nazionale per i Giovani, in vista di questo importante appuntamento, ha deciso di coinvolgere giovani talenti nella preparazione di iniziative stimolanti e innovative puntando sulla creatività e sulla partecipazione attiva, attivando un Concorso apposito. Saranno infatti i giovani a proporsi all’interno dell’evento, a raccontare il festival con i video, la fotografia, il fumetto, i canali social, il giornalismo e la radio e naturalmente a supportare l’Agenzia nella visibilità dell’evento attraverso canali di comunicazione.

Potranno partecipare i Giovani dai 18 ai 25 anni provenienti da tutte le regioni d’Italia, suddivisi nei seguenti campi di competenza:

❏ Musica (band emergenti con un repertorio di canzoni inedite)

❏ Fotografia

❏ Video-making

❏ Giornalismo

❏ Social (facebook, twitter, instagram)

❏ Fumetto

❏ Web Radio

❏ Blogger

 

Nella fase di selezione verrà data priorità alle candidature di giovani che abbiano una qualche esperienza alle spalle nel campo d’interesse e il cui  profilo artistico sia in sintonia con le finalità dell’evento, valutando la qualità e l’originalità dei candidati. I giovani vincitori avranno riconosciute da ANG le spese di vitto, alloggio e viaggio.

 

Per partecipare a #GiovaniTalenti è necessario compilare il modulo di partecipazione. Il termine per inviare le candidature è 30 agosto 2016.

È possibile partecipare anche come gruppo di persone, indicando il nominativo e i contatti di un referente. I risultati della selezione saranno comunicati entro il 10 settembre 2016.

 

Compila il form (http://www.agenziagiovani.it/giovani-talenti-a-young-europe-you)  per inviare la tua candidatura.

Per maggiori info: Agenzia Nazionale per i Giovani

#GiovaniTalenti. Il concorso dell’Agenzia nazionale per i giovani, 20 e 21 ottobre in Roma. #Young Europe You

1 Ago 2016
A handout image released by the international NGO Save the Children on July 29, 2016 reportedly shows people gathering in front of the damaged building of a maternity hospital supported by the NGO after it was hit by an air raid in the rebel-held town of Kafar Takharim, in Idlib province of northwest Syria.
The bombing hit the entrance to the hospital, which is the biggest in the area, serving over 1300 women monthly and carrying out over 300 deliveries a month, Save the Children said in an email. The Syrian Observatory for Human Rights also said that the hospital in Kafar Takharim was heavily damaged and left barely operational. / AFP PHOTO / SAVE THE CHILDREN / HO /  === RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / HO / SAVE THE CHILDREN" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS FROM ALTERNATIVE SOURCES, AFP IS NOT RESPONSIBLE FOR ANY DIGITAL ALTERATIONS TO THE PICTURE'S EDITORIAL CONTENT, DATE AND LOCATION WHICH CANNOT BE INDEPENDENTLY VERIFIED === /

SternZanin si attiva a sostegno
di "Save the Children"

Apprendiamo con orrore del bombardamento ad Aleppo in Siria dell’ospedale pediatrico di “Save the Children”, organizzazione che ci pregiamo di assistere.

Agli amici di “Save the Children” va tutto il nostro cordoglio per le vittime, tutto il nostro ringraziamento per la grande azione a difesa dei bambini che fanno in diverse parti del mondo.

Per manifestare la nostra vicinanza in modo più concreto procederemo a fare una donazione al conto corrente su Banca popolare Etica con IBAN: IT60N0501803200000000118400 usuale dell’organizzazione ed invitiamo tutti gli amici destinatari della presente a fare altrettanto.
Grazie.

 

Tutti i soci e lo staff
Stern Zanin

#SavetheChildren #SternZanin

5 Lug 2016
Diritto-penale
Diritto-penale

La partecipazione alla mediazione deve essere effettiva

La partecipazione alla mediazione deve essere effettiva e non meramente formale

Recentemente il Tribunale Civile di Roma, Giudice dott. Moriconi, con sentenza del 26.05.2016, è intervenuto per precisare le conseguenze del mancato effettivo svolgimento del procedimento di mediazione.
La vicenda sottoposta all’attenzione del Giudice, al netto delle questioni di diritto sostanziale societario sottese alla concreta fattispecie, riguardava, sostanzialmente, “ … rapporti personali deteriorati, per il che ben si sarebbe potuto pervenire ad un accordo, ad una pacificazione, mediante l’opera di un mediatore professionale…”.
Senonchè, in sede di primo incontro informativo con il mediatore, le parti, anziché sforzarsi reciprocamente di addivenire ad una soluzione mediata e condivisa, si limitavano a dare apparente esecuzione alla mediazione, verbalizzando la congiunta volontà di non dare inizio alla procedura e definendo così il procedimento.

Osserva il Tribunale, nella citata sentenza, che un tale comportamento non possa ritenersi corretto e, conseguentemente, non possa dirsi realizzata la condizione di procedibilità della domanda giudiziale.
E difatti, se è pur vero che le parti che partecipano alla procedura di mediazione sono del tutto libere di accordarsi o meno, tuttavia, stante l’obbligo a carico delle stesse di partecipare attivamente alla mediazione ex art. 8 D.Lgs. 28/2010, il rifiuto ingiustificato di procedervi costituisce violazione delle norme in materia di mediazione obbligatoria e delegata (artt. 5, co. 1-bis e 2, del D.Lgs. 28/2010).

Se il rifiuto di procedere proviene dalla parte istante (attore), esso deve essere equiparato alla mancata introduzione della domanda di mediazione. In tali ipotesi, la condizione di procedibilità richiesta per l’esame della domanda giudiziale dovrà essere considerata come non realizzata e la domanda stessa, pertanto, sarà dichiarata improcedibile.

Qualora, invece, dovesse essere la parte convenuta a dichiarare l’impossibilità di proseguire oltre il primo incontro, la domanda giudiziale proposta dall’attore non potrà essere dichiarata improcedibile e la condizione di procedibilità della domanda giudiziale si avrà per avverata.

Nel caso oggetto della sentenza esaminata, poiché entrambe le parti, arbitrariamente e senza addurre giustificazione alcuna, avevano deciso di non procedere con la mediazione, il Giudice, coerentemente con il ragionamento suesposto, ha dichiarato l’improcedibilità della domanda attorea (avendo negato il consenso alla procedura da essa stessa introdotta), non considerando valida ragione scriminante l’accordo raggiunto dalle parti circa la non volontà di procedere alla procedura di mediazione.

31 Mag 2016
nuovo-sito-600x250_bis

Lunedì 6 Giugno online il nuovo sito

Lunedì 6 giugno sarà pubblicato on line il nuovo sito web www.sternzanin.it fortemente intuitivo e di rapida consultazione, rinnovato nel look, accattivante, responsivo – per adattarsi al meglio ai dispositivi mobili – e ricco di contenuti.
L’innovazione è sempre stata la nostra caratteristica e questo si rifletterà anche nel nuovo sito web.

Una ampia gamma di servizi, con il costante imperativo di renderli fruibili in modo semplice ed efficace, ha reso la Stern Zanin Stp un’azienda 3.0, costantemente aggiornata con lo sguardo verso il futuro, ed in grande evidenza nel mondo dei servizi professionali.

Conosciamo l’importanza dell’informazione nel mondo attuale: la discriminate tra sapere ed ignorare. Per questo la vera novità saranno i contenuti. Verranno pubblicati articoli, approfondimenti e novità normative utili al tuo lavoro quotidiano. Particolare riguardo avremo per i canali Social, veri motori pulsanti dell’informazione. La data di pubblicazione non rappresenterà quindi il punto di arrivo del nostro lavoro, ma risulterà un solido punto di partenza per un evoluzione “quotidiana”.

Ti aspettiamo on line Lunedì 6 giugno su www.sternzanin.it e attendiamo un tuo feedback, per noi sarà prezioso.

Paolo Stern
Stern Zanin STP srl
Partner

SAVE THE DATE – Lunedì 6 giugno 2016 online il nuovo sito web #sternzanin.it

17 Mag 2016

La gran partita disputata ieri sera dal LegaleSternZanin non è bastata per passare ai quarti di finale del torneo Avvocati nel Pallone.

Vittoria dello Studio Chiomenti per 3 a 2 (marcatori per noi Ale Micacchi e Ale Di Castro) ed ultimo tiro del nostro Mirko Raccuja, sul fischio finale, respinto purtroppo dalla traversa (col pareggio, si sarebbe deciso tutto ai rigori).

Partita, dunque, equilibrata, combattuta e corretta, decisa, alla fine, da pochi episodi.

Usciamo con onore ma non demordiamo: per la prossima edizione saremo ancora più forti e motivati! Grazie a tutti i ragazzi e, soprattutto, le ragazze che hanno dato la loro disponibilità a rappresentare lo Studio in questo Torneo e che hanno sempre dato tutto in campo!

Il Mister

 

LegaleSternZanin

LegaleSternZanin

LegaleSternZanin

 

  • 1
  • 2